Pentole per cottura a vapore: migliori prodotti di Novembre 2020, prezzi, recensioni

Le pentole per la cottura a vapore consentono di realizzare una cucina salutare, che si caratterizza per conservare le proprietà nutrizionali delle pietanze. Gli oggetti in esame si prestano in particolare all’elaborazione di verdure e di ortaggi, sebbene determinate tipologie di pesce si considerano adatte alla cottura a vapore. Diversi prodotti sono concepiti per compiere questa modalità di cottura nel migliore dei modi: le pentole per la cottura a vapore (castello), i cestelli in acciaio o in bambù oppure le vaporiere elettriche. Le prime sono senz’altro le più diffuso e sono costituite di solito di tre elementi. Alla base vi è un recipiente su cui viene immesso il liquido da condurre all’ebollizione. Mentre al di sopra si posizionano due pentole di grandezza inferiore, che presentano delle forature sul fondo al fine di permettere il passaggio del vapore.

La cucina a vapore comporta il compimento di una cottura priva di grassi nonché il mantenimento dell’insieme di sostanze nutritive di cui dispongono gli alimenti. Anche le proprietà organolettiche vengono conservate a seguito di questo tipo di elaborazione. L’esistenza di tutte le entità benefiche in parte potrebbe venire compromessa, nel caso si adottassero dei metodi di cottura tradizionali. Gli effetti benefici risultano eloquenti nondimeno sotto il profilo della digeribilità dei cibi. Il condimento dei preparati col vapore di solito avviene a posteriori, di modo tale da non alterare il processo di cottura. Che normalmente, nel caso dei vari tipi di verdura, termina dopo meno di venti minuti. Si considerano predisposti ad una cottura di questo tipo, le verze, i cavolfiori e tutti i tipi di cavolo. Si prestano tuttavia anche diverse specie di pesci, come il salmone e il pesce azzurro. Nonché una serie di specialità tipiche della cucina orientale.

 

Le pentole per la cottura a vapore

Come si è accennato in precedenza, diverse tipi di pentole sono concepite per la cottura a vapore. E’ comunque ammissibile realizzare delle elaborazioni con questo metodo di cottura anche avvalendosi di strumenti non propriamente idonei, come le pentole tradizionali. In quanto su di loro è possibile posizionare dei cestelli grigliati o di bambù, attraverso cui trasmettere il vapore e su cui poggiare gli alimenti. L’importante è eseguire i procedimenti di cottura in modo consono, ossia si deve impedire alle pietanze di avere un contatto diretto con l’acqua portata all’ebollizione. Nelle restanti ipotesi è opportuno dotarsi di una serie di strumenti adatti alla cottura a vapore, anche per realizzare le elaborazioni con maggiore rapidità e dimestichezza.

Si annovera anche la vaporiera elettrica tra gli strumenti idonei a praticare questo metodo di cottura. L’unica differenza con gli altri oggetti che posseggono la medesima destinazione d’uso, risiede nel fatto che le vaporiere generano l’ebollizione del liquido autonomamente. Quindi non si avvalgono di una sorgente di calore esterna. Inoltre è possibile selezionare l’intensità del vapore prodotto, in relazione alla esigenze che si hanno dal punto di vista della cottura. Anche questi apparecchi sono dotati di una serie di accessori, che permettono la cottura simultanea di diversi generi di alimenti. Si parla di cestelli oppure di pentole che sono adibite a poggiarsi sopra la vaporiera, riprendendo il funzionamento del castello tradizionale.

Le migliori pentole per le cotture a vapore

Esistono numerosi set di pentole in commercio, ideali per la cottura a vapore. Che si distinguono per il possesso di una serie di qualità sotto il profilo dei materiali utilizzati e della maneggevolezza. Nella maggior parte dei casi sono costituiti di tre elementi sovrapposti, in acciaio inossidabile, con una copertura in vetro, attraverso cui è possibile controllare le evoluzioni della cottura. Le padelle hanno un diametro di circa venti centimetri e si offrono all’utilizzo da parte di chi si avvicina a questo tipo di cucina per la prima volta. La parte inferiore della formazione si considera adatta anche per differenti procedimenti, come per esempio la preparazione di una minestra. A tal proposito, si ritiene vantaggioso insaporire il liquido da cui proviene il vapore, magari con l’aggiunta di spezie, o portando all’evaporazione del brodo, al fine di migliorare il gusto finale degli alimenti.

Una casa produttrice italiana ha ideato un set simile al precedente, per dimensioni e numero di unità, ma con l’utilizzo di elementi più raffinati. Il recipiente ha un rivestimento ottenuto con un materiale antiaderente, mentre gli elementi da sovrapporre sono in vetro, con dei fondi disseminati di forature per consentire l’ingresso del vapore. Anche il coperchio è in vetro. Mentre le maniglie sono in bachelite e silicone. Diversi modelli invece usano realizzare degli esemplari con meno unità, come per esempio le vaporiere in acciaio, che sono costituite di tre strati attraverso cui permettono la trasmissione del vapore negli strati superiori, dove vengono adagiate le pietanze da cucinare. Per quanto riguarda i prezzi, i modelli indicati si trovano ricompresi in una fascia di prezzo che va da trenta euro a sessanta.


Back to top
menu
miglioripentole.it